SEO

Privacy Policy sito web, come adeguarsi al GDPR

Il segreto del GDPR? Essere trasparenti.

Ed è proprio così, nulla di più nulla di meno.

Per rispettare il GDPR, la Privacy Policy del tuo sito web deve essere trasparente.

Quindi, adeguarsi al GDPR è semplice.
Attenzione, Non ho detto FACILE, ho detto SEMPLICE. 
Questo perchè ci sono un paio di cose a cui devi 
prestare particolare attenzione

Si, se ne parla da parecchio tempo ma ancora non ti è chiaro, ne ciò che devi fare sul tuo sito web, ne cosa voglia dire questa “trasparenza”.

Voglio rassicurati dicendoti che è normale che tu sia sommerso dai dubbi e dalle domande esistenziali su come rispettare questo regolamento e su come creare una Privacy Policy del tuo sito web senza finire al gabbio.

Devi però ritenerti molto fortunato rispetto agli altri: qui sotto, infatti, abbiamo messo in ordine tutta la confusione che trovi sul web, per darti le informazioni utili che chiariranno i tuoi dubbi così potrai tornare a dormire sonni tranquilli.

Prima di passare al dunque, nel GRAVISSIMO caso in cui tu non sappia ancora cosa sia il GDPR

Qui hai tutte le informazioni a riguardo.

Detto questo, iniziamo.


Sei già informato su tutto ed hai bisogno una soluzione pronta per l’uso?
Spendi pochissimo tempo e qualche decina di euro ma deleghi tutti i problemi ad un team di esperti che grazie e noi ti faranno un bello sconto.

Fidati, fa sicuramente al caso tuo.


Chi deve adeguare la Privacy Policy del sito web al GDPR?

Prima di spiegare realmente come adeguare il tuo sito web al GDPR, ti aiutiamo a capire se rientri tra i soggetti obbligati ad adeguare la propria Privacy Policy. 
È molto semplice:

  • Stai raccogliendo/interagendo con i dati personali dei tuoi lettori? (nomi, username, indirizzi email, indirizzi IP, sessioni, dettagli di pagamento ecc.)
  • Hai un form di contatto dove gli utenti inseriscono i propri dati personali?
  • Hai un form di iscrizione alla newsletter?
  • Utilizzi servizi di terze parti, come Google Analytics o AdSense?

Se hai risposto Sì ad almeno una di queste domande, continua a leggere, perché hai bisogno di adeguare la Privacy Policy del tuo sito web al GDPR.

Cosa comprende una privacy policy?

Nell’UE le principali norme sulla privacy che il tuo sito web deve rispettare sono il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e la direttiva ePrivacy (Cookie Law)

Quindi anche i cookie fanno parte della Privacy Policy?

Esattamente, e ne parliamo propio qui!

Cosa deve contenere la Privacy Policy del mio sito web per essere conforme al GDPR?

Eccoci alla prima parte più importante, ovvero cosa devi scrivere nella Privacy Policy.
La Privacy Policy del tuo sito web, per essere conforme al GDPR, deve dare più risposte possibili all’utente rendendo il rapporto con i suoi dati trasparente e rassicurante.
La Policy deve essere chiara e di facile comprensione.
Ecco alcune delle domande implicite a cui devi rispondere nella tua Privacy Policy:

  • Quali dati sto raccogliendo?
  • Come li sto raccogliendo?
  • Quali diritti sono legati a questi dati?
  • Quali sono i diritti legati alla raccolta ed utilizzo di questi dati?
  • Perchè li sto raccogliendo?
  • Che uso ne faccio?
  • Quali terze parti hanno accesso a questi dati?

Quando cerchi di rispondere a queste domande e stai scrivendo la Privacy policy del tuo sito web, ricordati di essere chiaro e di scrivere in maniera semplice.

Ora passiamo alla seconda parte fondamentale quando si parla di GDPR, ovvero come gestisci il consenso dei dati che ti vengono forniti.

Consenso nei form, centra qualcosa con il GDPR?

Assolutamente Sì! Le leggi europee prevedono che:

Il consenso deve essere informato, esplicito, prestato liberamente e espresso con una chiara azione positiva

Questo vuol dire evitare di mettere checkbox pre-selezionate per l’iscrizione alla newsletter o quando un utente si registra e crea un account. Le caselle pre selezionate sono espressamente vietate dal regolamento GDPR.
La normativa prevede, di conseguenza, il diritto di revoca del consenso in un modo chiaro e semplice, proprio come quando lo hanno fornito.

Quindi per rimediare a ciò assicurati di rispettare i seguenti punti:

Cerca di ottenere un consenso informato, verificabile ed esplicito

L’utente deve essere chiaramente informato su ciò che sta accettando e deve selezionare una checkbox o una tasto “accetto” chiaro ed evidente; Il consenso deve essere facoltativo e mai forzato!

Esempio:
Sì, desidero ricevere offerte nella mia casella di posta come indicato nell’informativa sulla privacy (facoltativo)

Dai la possibilità di revocare il consenso in maniera semplice

Così come deve essere chiara l’accettazione del consenso, deve essere altrettanto semplice la rimozione del consenso stesso

Esempio:
Se non desideri più ricevere le email settimanali, clicca qui per annullare subito l’iscrizione

Ecco la soluzione a tutti i tuoi problemi

Esiste un metodo che ti farà spendere pochissimo tempo e qualche decina di euro ma che delegherà tutti questi problemi ad un team di esperti, ci credi?

E ti garantisco che se li contatti con questo bottone qui sotto, ti faranno un bello sconto sull’acquisto del loro impeccabile servizio. Fidati, fa sicuramente al caso tuo.

Loro pensano agli obblighi di legge, e tu ti concentri sul tuo business.

0
No tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *